I mazzi di Tarocchi

In questa pagina riportiamo una piccolissima raccolta dei mazzi di Tarocchi più famosi, essendo moltissimi i tipi di mazzi in commercio elenchiamo i più conosciuti.

Tarocchi MarsigliesiTAROCCHI DI MARSIGLIA

Sicuramente uno dei mazzi di Tarocchi classici più conosciuti e utilizzati. Non abbiamo riferimenti per la datazione dei tarocchi di Marsiglia così chiamati per la città della Francia che ha goduto di una posizione di monopolio nella produzione di questo tipo di carte pur non avendole inventate; sebbene i primi mazzi conosciuti risalgano al XVIII secolo, lo stile delle carte a semi italiani fa propendere per l’origine latina di questo tipo di mazzo, probabilmente diffusosi dalla Lombardia in territorio francese. Uno dei modelli più conosciuti dei tarocchi di Marsiglia fu inciso su legno dal francese Claude Burdel nel 1751.

Tarocchi del MantegnaTAROCCHI DEL MANTEGNA

I cosiddetti tarocchi del Mantegna sono due serie distinte di 50 incisioni risalenti al XV secolo, denominate serie “E” e serie “S”, opera di due distinti artisti di scuola ferrarese rimasti anonimi, che per secoli sono state attribuite ad Andrea Mantegna. Le due serie ritraggono gli stessi soggetti raggruppati tematicamente in cinque gruppi e non costituiscono in realtà neanche un mazzo di tarocchi, poiché mancano le carte di semi e i soggetti pur presentando in alcuni casi delle somiglianze iconografiche con quelli dei tarocchi tradizionali sono comunque diversi. Si ignora l’uso a cui era destinato, forse erano un’opera didattica.

Tarocchi Rider WaiteTAROCCHI DI RIDER WAITE

I Tarocchi Rider-Waite, conosciuti anche come Waite-Smith Tarot, sono oggi i Tarocchi più diffusi nel mondo anglosassone. I 78 arcani furono ideati dal mistico ed esoterista statunitense Arthur Edward Waite e disegnati dalla sua discepola Pamela Colman Smith tra il 1908 e il 1909, ispirandosi in parte ai Tarocchi Sola-Busca (1491), che fino a quell’epoca rimasero l’unico mazzo di Tarocchi illustrato con personaggi dinamici in tutte le 78 carte. La prima versione del Waite-Smith Tarot fu pubblicata a Londra nel 1909 dall’editore Rider e immediatamente ebbe numerose imitazioni che scatenarono una battaglia legale sui diritti d’autore. Ancora oggi i Tarocchi Rider-Waite sono il punto di riferimento obbligato non solo per i cartomanti, ma anche per gli inventori di nuovi mazzi, che si ispirano alle loro immagini data la facilità di memorizzare i loro significati divinatori.

Tarocchi Thoth di Aleister CrowleyTAROCCHI DI CROWLEY

I tarocchi di Crowley sono un mazzo di carte dei tarocchi composto da 78 arcani, suddivisi in 22 Arcani Maggiori e 56 Arcani Minori. Queste carte sono diverse dai tradizionali tarocchi di Marsiglia che conosciamo e sono uno dei più importanti mazzi della tradizione esoterica moderna. I tarocchi furono ideati da Crowley intorno al 1940. Aleister Crowley era un noto mago inglese, grande studioso delle scienze occulte e considerato in passato come il fondatore del moderno occultismo. Il mago fu un personaggio molto eccentrico e bizzarro decise di creare un mazzo di tarocchi sulla base della sua concezione magica e assegnò il compito di disegnarli alla pittrice Frieda Harris, sua fedele allieva. Solamente nel 1969 fu stampato per la prima volta “Il Libro di Thot” , il mazzo dei tarocchi con il nome che Crowley gli diede appena furono terminati, e riscosse subito un gran successo presso i giovani e dagli appassionati di quei tempi.

I Tarocchi EgizianiI TAROCCHI EGIZIANI

I tarocchi egiziani nascono dalla combinazione di diverse tecniche divinatorie: l’astrologia, la numerologia e le visioni. La ricchezza delle lame dei tarocchi egiziani risulta ancora più interessante dal momento che la dimensione esoterica è rafforzata dalla presenza dei geroglifici. I tarocchi egiziani sono composti da 22 lame: 7 lame positive (Nil, Mammisi, Harpocrates, Anouket, Nout, Constellation, Bennou); 7 lame negative (Sekhmet, Sobek, Armée, Akerou, Apopis); 7 neutre (Mastaba, Nefertiti, Hatshepsout, Scribe, Akhenaton, Ba-Ka, Sycomore); 3 lame che evocano la sorte (Pyramide, Naos, Croix de vie).

I Tarocchi della Golden DawnTAROCCHI DELLA GOLDEN DAWN

I Tarocchi Golden Dawn sono basati sugli insegnamenti dell’Hermetic Order of the Golden Dawn, un ordine magico fondato nella seconda metà dell’800 in Inghilterra e ritenuto fondamentale per lo sviluppo dell’occultismo contemporaneo. Si riallacciano alle indicazioni del Liber T, ossia la descrizione dei Tarocchi riservata ai membri della Golden Dawn. A quella filosofia si ispirarono A. E. Waite e A. Crowley, oltre a famosi poeti, pensatori e artisti. Questo mazzo, illustrato da Robert Wang sotto la guida di Israel Regardie, è come un libro di simboli che esprime la visione esoterica della natura dell’Universo e la relazione dell’uomo in esso.

I Tarocchi ViscontiI TAROCCHI VISCONTI

I Tarocchi Visconti (noti anche come Tarocchi Cary-Yale) sono il più antico mazzo di Tarocchi conosciuto. Si tratta di un gruppo di 66 carte dipinte a mano e ricoperte da una lamina d’oro lavorata a bulino. Su molte carte sono impressi emblemi che riconducono alla famiglia Visconti. L’epoca di realizzazione dei Tarocchi di Yale è certa: tra il 1442 e il 1447. La realizzazione pittorica, in base all’antica testimonianza di Pier Candido Decembrio, biografo del duca, andrebbe attribuita a Michelino da Besozzo. Questo non fu certamente l’unico mazzo di Tarocchi commissionato da Filippo Maria Visconti. Un’altra versione incompleta, attribuita la celebre pittore Bonifacio Bembo, è conservata alla Pinacoteca di Brera di Milano.

I Tarocchi Universali di WirthI TAROCCHI UNIVERSALI DI WIRTH

Oswald Wirth (1860 – 1943) è stato un esoterista, artista e scrittore svizzero, fu un grande conoscitore della Cabala e dei Tarocchi. Studiò esoterismo e simbolismo con Stanislas De Guaita e nel 1889 creò, sotto la guida di De Guaita, un tarocco cartomantico costituito solo dai ventidue arcani maggiori. Conosciuto come “Arcanes du Tarot kabbalistique”, seguì da vicino i disegni dei Tarocchi di Marsiglia, ma introdusse diverse variazioni, incorporando il simbolismo occulto esistente nelle carte. Il mazzo Wirth / de Guaita è significativo nella storia del tarocco occulto per essere il primo di una lunga serie di mazzi occulti, cartomantici e iniziatici. Nei Tarocchi Universali sono riunite tutte le tradizioni del mondo.

 

Commenti chiusi